Il nostro Network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels/Alloggi | Ristoranti/Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | Youtube | Google+ | iPhone | Android | Windows Phone |
Sabato 10 Dicembre 2016

Il matrimonio “slow”

Per quanto concerne il settore matrimonio parlare di novità non è sempre semplice. Spesso e volentieri si assiste ad un “recupero” di tendenze degli anni trascorsi,  sicuramente riviste e corrette, ma pur sempre poco fantasiose. Dopo questa premessa un po’ controcorrente, permettetemi di svelare, quella che a mio avviso, è la vera, nuova tendenza che si sta affermando: un “modo di vivere” il matrimonio davvero coinvolgente!

La corsa alla spettacolarizzazione e la continua ricerca dell’allestimento originale spesso allontanano da quello che deve rimanere il punto centrale in un matrimonio: gli sposi ed i loro ospiti.  Spesso si assiste a matrimoni  in cui presenziano sempre meno  le “buone maniere” e “l’arte del ricevere”.  Gli sposi che invitano i loro cari ad un matrimonio e li fanno attendere ore sotto il sole cocente  per effettuare il servizio fotografico  è come se mancassero di rispetto ad ogni singolo invitato.
L’idea di coinvolgere i propri ospiti in un weekend all’insegna dei festeggiamenti e dello SLOW WEDDING è, a mio parere, un segno di grande considerazione.

Immaginate l’arrivo scaglionato, regolare e gioioso degli ospiti che raggiungono una località immersa tra le colline umbre. Lo sposo che li accoglie uno ad uno, e con tutta calma indica loro la sistemazione scelta. Gli ospiti  prendono possesso degli alloggi e si apprestano ad un leggero e tranquillo spuntino di mezzogiorno sotto un pergolato con una vista mozzafiato. Poi tutti cominciano a muoversi, lo sposo inizia la vestizione mentre la sposa termina il suo trucco. Tutti sono pronti per la bellissima cerimonia organizzata nella chiesetta del borgo antico, scherzano con lo sposo emozionato fino a quando la loro attenzione viene catturata dalla presenza della sposa.

Dopo una cerimonia, sentita e partecipata, gli sposi coprendosi la testa passano in mezzo a due ali di invitati che augurano loro tanta felicità e prosperità lanciando riso e petali di fiori.
Tutti insieme raggiungono il grande cortile dove è stato predisposto un gustoso banchetto. Candele, torce e fiaccole illuminano tutta la scenografia, un gruppo musicale diffonde note festose.
Dopo la cena continuano fino a tarda notte i festeggiamenti, i balli e le degustazioni di dolci con il taglio della wedding cake.
Ogni ospite è libero di ritornare presso il proprio alloggio in ogni momento, i bambini possono essere messi al letto in tempi ragionevoli, ma soprattutto ognuno si sentirà più rilassato e tranquillo nel festeggiare, anche con qualche eccesso, questa inebriante giornata.

Il mattino dopo, secondo le forze di cui si dispone, gli invitati si ritrovano tutti sotto il pergolato per un pic-nic a base di carne e verdure alla brace, in totale relax e ancora entusiasti di essere stati invitati ad un matrimonio slow.
Questo è solo un esempio di come può essere un matrimonio distribuito su un intero weekend dove, sia chiaro fin da subito,  i festeggiamenti sono a misura d’uomo, fatti per consacrare l’unione di una coppia che tiene in grande considerazione i propri invitati.
Soprattutto non fatevi ingannare dalle apparenze, questo può essere un matrimonio che ognuno di voi si può permettere, basta organizzarlo con cura. Oppure con l’aiuto di un wedding planner professionista.

Francesca Latini

Sposi Amo Wedding Planners Terni




Tag: ,

Invia una domanda